7 maggio 2017

Ho provato un Wonderboom

Un paio di settimane fa sono stato all'evento di presentazione degli speaker bluetooth WONDERBOOM di Ultimate Ears in una location con una piscina in soggiorno.
Per dimostrare quanto questi speaker resistano all'acqua avevano posizionato un canestro in mezzo alla piscina, con gli speaker utilizzati come palle da basket. 
Insomma: usateli senza problemi in doccia o vasca.

Io comunque continuo a pensare alla piscina in soggiorno.

Ma veniamo allo speaker (quello lì in alto, che mi è stato regalato alla fine della presentazione): tutti i tasti che vi servono sono già presenti nella foto.

Sulla parte superiore troviamo un tasto per accenderlo, uno per l'accoppiamento bluetooth (velocissimo) e uno per mettere in pausa/far ripartire la riproduzione/passare alla traccia successiva.
Due sobrissimi tasti per alzare e abbassare il volume sono la caratteristica principale di questi Wonderboom. Li avete notati, no?
Ah: sul retro c'è la presa usb-b per ricaricarlo.
Niente ingressi audio di alcun genere.

La cosa che colpisce subito è il volume folle che una cosina così piccola (un cilindro alto 10 cm e largo poco meno) riesce a emettere, con bassi belli presenti e alti definiti. 
Potete fare la doccia e disturbare tranquillamente i vicini del piano di sotto e di sopra.

Come tutti gli speaker bluetooth che ho provato negli ultimi anni, anche questi Wonderboom possono essere accoppiati tra di loro. La casa produttrice dichiara 10 ore di durata della batteria (e quasi tre ore per ricaricarli completamente). Non ho controllato la prima affermazione, ma sicuramente sei o sette ore di musica le ho ascoltate senza mai doverlo caricare.

Conclusioni: è fisso in doccia da quando l'ho portato a casa. 
Prezzo: su Amazon si trovano a 99.99 euro.

Disclaimer: spesso ricevo prodotti in omaggio, per testarli ed eventualmente parlarne. Altre volte invece li ricevo solo in prestito, per gli stessi motivi. 
In questo caso Ultimate Ears ha deciso di regalarmi lo speaker.

0 commenti: